Case sulla collina. Monferrato

popolare 

 paesaggio / Posted 7 mesi ago by Associazione Giuseppe Ajmone

Non è solo il titolo, che tra l’altro evoca quello del libro dell’amico Pavese, La casa in collina (pubblicato l’anno prima con Einaudi), ad avere un’assonanza poetica, ma anche i colori e la commovente semplicità con cui Ajmone dipinge quel piccolo grappolo di muri così teneramente adagiati su un’altura del Monferrato (altro legame con Pavese, il poeta vi era sfollato ai tempi della guerra).

I viola si accompagnano ai verdi, gli azzurri ai rosa, mentre i piccoli tetti rossi squillano al centro come bacche mature. Le case, simili a farfalle, si appoggiano al poggio senza spessore e senza peso. Sotto di loro un piccolo specchio d’acqua, nato da quel sottile rivolo grigio-azzurro che attraversa orizzontalmente la composizione, raccoglie i riflessi cromatici di tutto il paesaggio. La scelta dei colori e, soprattutto, la struttura delle pennellate mostrano ancora qualche debito con Cézanne, ma senza quel turgore vitreo che il francese sapeva infondere loro.

Nel dipinto di Ajmone, inoltre, non basta la vocazione geometrica per nascondere la fragilità di quelle forme, il cui esiguo spessore impedisce loro di avere anche il pur minimo volume e, dunque, qualsiasi cenno di solidità. È l’inizio di quel processo di alleggerimento (degli impasti, delle forme e delle ombre) che Ajmone aveva da poco intrapreso e che giorno dopo giorno si faceva più sicuro, ma che avrebbe trovato la sua compiutezza solo negli anni Cinquanta.

  • anno : 1949
  • titolo : Case sulla collina. Monferrato
  • tecnica e supporto : olio su tela
  • dimensioni : 54 x 65 cm
  • firma : Firmato Ajmone in basso a destra
  • Esposizioni : San Paolo, Brasile, 1949; Venezia, 1950.
  • Bibliografia : XXV Biennale, Venezia 1950; Pallucchini 1951, p. 45; Tassi 1976, p. 12, ill. n. 10; Bonini 1984, ill. p. 121.

Comments are closed.